Exception-Could not resolve: datamarket.accesscontrol.windows.net (Domain name not found) 02/05/2016, 2:59 pm

Cassazione: decorrenza del licenziamento disciplinare


In tema di licenziamento per giusta causa, la Corte di Cassazione ha statuito che il termine finale per l’irrogazione del provvedimento espulsivo previsto dal contratto collettivo decorre dalla scadenza del termine per le controdeduzioni, nonostante il lavoratore abbia presentato le giustificazioni prima del decorso integrale dei 5 giorni (art. 7, comma 5 della Legge n. 300/1970).

 

In particolare la Suprema Corte, con la Sentenza n. 8180 del 22 aprile 2016, ha chiarito che tale termine è stabilito a garanzia del diritto di difesa del lavoratore, ossia al fine di evitare che l’intimazione del recesso avvenga prima del suo decorso se il lavoratore non ha ancora reso le giustificazioni. Pertanto, il termine finale fissato dal contratto collettivo per l’adozione della sanzione espulsiva si calcola, comunque, a partire dalla scadenza dei 5 giorni per le giustificazioni, anche se l’interessato le ha rese antecedentemente.

 

Studio Gorini  - Consulenti del Lavoro